BLOG

Ott 0
Ott 0

Per un manifesto della politica industriale in tempi di crisi fiscale

PER UN MANIFESTO DELLA POLITICA INDUSTRIALE IN TEMPI DI CRISI FISCALE   La politica industriale italiana non esiste: crisi di idee e crisi di strumenti (oltre alla crisi finanziaria) rendono difficile parlarne e, ancor di più, essere presenti sui principali media. L’affermazione prevalente viene riassunta in una espressione: “la migliore politica industriale è quella che […]

  Leggi tutto
Giu 0
Giu 0

Ricostruire il futuro

di Alfredo Reichlin, l’Unità del 12 giugno 2012 Speriamo che non sia troppo tardi. Ma, finalmente, il Pd ha cambiato passo. Non è partito da sé, dalle sue beghe interne, ma dalla enorme novità dello scenario reale che sfida la politica (e ben più della politica, sfida tutti: i vecchi giochi di potere come l`eterno […]

  Leggi tutto
Ott 0
Ott 0

Dietro il debito pubblico bassi salari e delocalizzazioni

La ragione principale della crisi del debito pubblico deriva dalla stagnazione del Pil negli ultimi dieci-quindici anni e dalla mancata ripresa, rispetto alla crisi dei mutui, nei Paesi avanzati. Questo è ancora più vero per l’Italia, che ha registrato per oltre dieci anni, prima della crisi, una crescita media del Pil inferiore a quella degli […]

  Leggi tutto
Lug 0
Lug 0

La politica e il controllo dei processi economici

Silvano Andriani* Abstract: Nella globalizzazione guidata dai mercati vi sono vincenti e perdenti e la loro dialettica, al livello degli Stati, si traduce nella formazione di squilibri strutturali dell’economia mondiale con paesi in attivo e paesi in passivo strutturale delle bilance dei pagamenti.Secondo l’approccio proposto da Keynes a Bretton Woods il coordinamento sovranazionale delle politiche […]

  Leggi tutto
Lug 0
Lug 0

Più conflitto di classe, meno movimentismo

Versione originale, non tagliata, dell’articolo comparso su Il Manifesto del 13.07.2011 Riccardo Bellofiore, Joseph Halevi, Massimiliano Tomba, Giovanna Verova Compriamo (o ‘scarichiamo’ on-line) il manifesto tutti i giorni, alcuni di noi ormai da 40 anni. Lo leggiamo però sempre di meno, senza sapere bene il perché. C’è di peggio, però. Ogni tanto lo leggiamo. Come […]

  Leggi tutto
Giu 0
Giu 0

Produrre e lavorare meglio, con democrazia

I fatti dietro l’accordo di Mirafiori, i tagli alla produzione della Fiat in Italia e il crescente orientamento finanziario, le alternative. La lettera degli economisti sul conflitto Fiat-Fiom già sottoscritta da circa 150 docenti e ricercatori. Il conflitto Fiat-Fiom scoppiato a fine 2010 sul progetto per lo stabilimento di Mirafiori a Torino – che segue […]

  Leggi tutto
Giu 0
Giu 0

Reddito o lavoro nelle tesi di Ferrajoli

di Mario Sai, il manifesto 15.06.11 Luigi Ferrajoli (il manifesto, 8 giugno) ripropone la questione del «reddito di cittadinanza» come condizione per assicurare il diritto alla vita. Dice Ferrajoli, sinteticamente, che in una società capitalista, mentre si può fare una battaglia per il reddito di cittadinanza (perché è una battaglia anche per il «diritto alla […]

  Leggi tutto
Giu 0
Giu 0

L’occupazione dei lavoratori precari (e giovani) in Italia

La crisi economica del 2008-2009 ha inciso sul mercato del lavoro colpendo soprattutto i lavoratori giovani e i lavoratori con contratti di tipo precario. La valutazione degli andamenti del mercato del lavoro in Italia è possibile grazie all’utilizzo dei dati ISTAT della Rilevazione Continua delle Forze di Lavoro (RCFL) e, per gli altri paesi, dei […]

  Leggi tutto
Mar 0
Mar 0

Cittadine/i europei per il reddito minimo

Cittadine/i europei per il reddito minimo Il Parlamento Europeo ha approvato un’ importante risoluzione per promuovere in Europa il reddito minimo. Il testo votato il 20 ottobre 2010 con una larghissima maggioranza può rappresentare un punto di riferimento per chi ritiene indispensabile garantire interventi in direzione della promozione della dignità dell’esistenza e di un lavoro […]

  Leggi tutto
Mar 0
Mar 0

Pietro Ancona: scala mobile e salario minimo garantito

La crisi libica ha infiammato l’inflazione per il rincaro della energia a causa di una velocissima manovra sui prezzi in cui è anche forte una componente di speculazione e di vera e propria rapina. L’effetto è immediato intanto sul costo dei carburanti che grava sui lavoratori che nella loro grande maggioranza usano il mezzo privato […]

  Leggi tutto