Fidel Castro: il piano della NATO è occupare la Libia

www.cubadebate.cu del 22/02/2011

Nelle sue ultime “riflessioni”, Fidel Castro ha fatto conoscere la sua opinione in merito a quanto sta accadendo in Libia. Fidel mette anche in guardia contro una campagna mediatica, attraverso la quale gli Stati Uniti e la NATO starebbero approntando un piano di vera e propria invasione della nazione araba. Il petrolio si è trasformato nella principale ricchezza nelle mani delle transnazionali yankee; attraverso questa fonte di energia hanno potuto disporre di uno strumento che ha accresciuto considerevolmente il loro potere politico nel mondo. Fu la loro principale arma quando decisero di liquidare con facilità la Rivoluzione Cubana non appena vennero promulgate le prime leggi giuste e sovrane nella nostra patria: privarla del petrolio. Su questa fonte di energia si è sviluppata la civiltà attuale. Il Venezuela è stata la nazione di questo emisfero a pagarne il maggior prezzo. Gli Stati Uniti si fecero padroni degli enormi giacimenti di cui la natura aveva dotato questo paese fratello. Alla fine dell’ultima Guerra Mondiale si iniziò ad estrarre dai giacimenti dell’Iran, come pure da quelli dell’Arabia Saudita, dell’Iraq e dei paesi arabi situati vicino a quelli, sempre più rilevanti quantità di petrolio. Il consumo mondiale è aumentato progressivamente fino alla favolosa cifra di circa 80 milioni di barili al giorno, compresi quelli che si estraggono nel territorio degli Stati Uniti, a cui si sono ulteriormente sommati il gas, l’energia idraulica e quella nucleare. Fino all’inizio del XX secolo il carbone era stato la fonte fondamentale di energia che aveva reso possibile lo sviluppo industriale, prima che si producessero migliaia di milioni di automobili e motori consumatori di combustibile liquido. I rifiuti del petrolio e del gas sono associati a una delle maggiori tragedie, assolutamente non risolta, che soffre l’umanità: il cambiamento climatico. Quando la nostra Rivoluzione vide la luce, l’Algeria, la Libia e l’Egitto non erano ancora produttori di petrolio e gran parte delle sostanziose riserve di Arabia Saudita, Iraq, Iran ed Emirati Arabi dovevano ancora essere scoperte. Nel dicembre del 1951 la Libia si trasforma nel primo paese africano a conquistare l’indipendenza dopo la Seconda Guerra Mondiale, in cui il suo territorio fu scenario di importanti combattimenti tra le truppe tedesche e quelle del Regno Unito, che diedero fama ai generali Erwin Rommel e Bernard L. Montgomery. Il 95% del suo territorio è totalmente desertico. La tecnologia ha permesso di scoprire importanti giacimenti di petrolio leggero di eccellente qualità che oggi raggiungono un milione 800 mila barili al giorno e abbondanti depositi di gas naturale. Tale ricchezza le ha permesso di ottenere un’aspettativa di vita che raggiunge quasi i 75 anni, e le più alte entrate pro capite dell’Africa. Il suo arido deserto è ubicato su un enorme lago di acqua fossile, equivalente a più di tre volte la superficie di Cuba, che le ha reso possibile costruire un ampia rete di tubature di acqua dolce che si estende per tutto il paese. La Libia, che aveva un milione di abitanti al momento dell’indipendenza, ne conta oggi più di 6 milioni. La Rivoluzione Libica avvenne nel mese di settembre del 1968. Il suo principale dirigente era Muammar-al-Gheddafi, militare di origine beduina, che nella sua prima gioventù si ispirava alle idee del leader egiziano Gamal Abdel Nasser. Non c’è dubbio che molte delle sue decisioni siano da collegarsi ai cambiamenti che si produssero quando, come in Egitto, una monarchia debole e corrotta venne rovesciata in Libia. Gli abitanti di questo paese hanno millenarie tradizioni guerriere. Si dice che gli antichi libici facevano parte dell’esercito di Annibale quando fu sul punto di liquidare l’antica Roma con la forza che attraversò le Alpi. Si potrà essere o no d’accordo con Gheddafi. Il mondo è stato invaso da ogni tipo di notizia, specialmente con l’impiego dei mezzi di informazione di massa. Si dovrà aspettare il tempo necessario per conoscere in modo rigoroso quanto ci sia di verità o di menzogna, o il groviglio dei fatti di ogni tipo che, in mezzo al caos, si sono prodotti in Libia. Ciò che per me è assolutamente evidente è che il governo degli Stati Uniti non è assolutamente preoccupato per la pace in Libia, e non esiterà a dare alla NATO l’ordine di invadere questo ricco paese, forse nel giro di poche ore o di pochissimi giorni. Coloro che con perfide intenzioni hanno inventato la menzogna secondo cui Gheddafi si sarebbe diretto in Venezuela, come hanno fatto la sera di domenica 20 febbraio, hanno ricevuto oggi una degna risposta dal Ministro delle Relazioni Estere del Venezuela, Nicolas Maduro, quando ha dichiarato testualmente che esprimeva “l’auspicio che il popolo libico trovi, nell’esercizio della sua sovranità, una soluzione pacifica alle sue difficoltà, che preservi l’integrità del popolo e della nazione libica, senza l’ingerenza dell’imperialismo…” Per parte mia, non immagino il presidente libico che abbandona il paese, eludendo le responsabilità che gli vengono addossate, siano o no false in parte o nella loro totalità. Una persona onesta sarà sempre contro qualsiasi ingiustizia venga commessa con qualsiasi popolo del mondo, e la peggiore, in questo momento, sarebbe quella di stare in silenzio davanti al crimine che la NATO si prepara a commettere contro il popolo libico. La dirigenza di questa organizzazione bellicista ha fretta di compierlo. E’ doveroso denunciarlo! Fidel Castro Ruz 21 febbraio 2011